Percorsi ideali tardo rinascimentali

All’indomani della pace di Cateau-Cambrésis del 1559, l’Italia, ormai saldamente spagnola, conosce finalmente un periodo di tranquillità e ne approfitta per ricostruire edifici, fortezze e palazzi distrutti da 65 anni di continua guerra. Gli architetti (militari e non) si lanciano allora in nuove e articolate forme geometriche di costruzione, che sbocceranno nelle cosiddette città ideali. L’Italia, infatti, si rifà bella basandosi sulle idee umanistiche e … Continua a leggere

Mai stati meglio

Pare che il rimedio più efficace ed economico per i disturbi che tormentano corpo e anima dell’uomo moderno si chiami Storia. Ce lo dicono due divertenti storioterapeuti (così loro si definiscono), Lia Celi e Andrea Santangelo. Il titolo stesso del loro libro, Mai stati meglio (edito da Utet) è inoltre apertamente polemico verso i catastrofisti di ogni genere. In effetti basta confrontare il destino degli … Continua a leggere

Lo yin e lo yang delle mostre romagnole

Mai come in questo momento l’offerta di grandi mostre in Romagna può dirsi tanto diversificata, visti gli argomenti presi in esame. Basterà soffermarsi sulle due maggiori, Borderline presso il MAR di Ravenna (per ogni informazione http://www.museocitta.ra.it/news/pagina263.html) e Novecento presso Musei San Domenico di Forlì (http://www.mostranovecento.it/informazioni.html) per avere un’idea di come si possano affrontare temi culturali lontanissimi in modo ugualmente eccellente ed interessante. In effetti una, … Continua a leggere

Memorie di pietra

Esiste uno speciale tipo di turismo, abbastanza di nicchia e legato perlopiù ai gruppi, che da sempre esercita un particolare tipo di attrattiva: la visita ai cimiteri ed ai sacrari militari. Il nostro paese ne è pieno, a testimonianza del fatto che da secoli le guerre si sono particolarmente accanite sull’Italia. Soltanto a partire dalle battaglie del nostro Risorgimento si è però sentita la necessità … Continua a leggere